Vangelo del giorno “SANTI SIMONE E GIUDA”

+ Dal Vangelo secondo Luca (Lc 6,12-19)


Ne scelse dodici ai quali diede anche il nome di apostoli.

In quei giorni, Gesù se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore.
Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne, che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.

Parola del Signore

Riflessione:

Miei cari fratelli e sorelle, mi viene in mente il programma televisivo “Tale e quale show” dove i concorrenti imitano qualche personaggio e il più bravo si aggiudica la vittoria. Quindi mi sono chiesto: e noi, chi vogliamo imitare con il nostro vivere quotidiano? Chi, se non il Cristo Risorto?
Per farlo la prima cosa è chiudere la porta alle distrazioni, hai mille impegni e alle tante inutili preoccupazioni che inondano la nostra vita. Poi dobbiamo avvicinarci alla preghiera, unica risorsa che sta all’origine di ogni nostra scelta e azione.
Ma soprattutto, dobbiamo trovare il tempo necessario per far ricorso a Dio, un momento fondamentale di abbandono e accoglienza, un momento in cui il nostro cuore si converte e permette di pregare in sé il Suo Spirito Santo.
Ecco fratelli carissimi, questa è la premessa per iniziare a essere imitatori del Risorto, questo è l’impegno di riuscire a trovare quel silenzio, quel luogo in disparte dove possiamo chiudere gli occhi e rivolgerci direttamente a Dio.
Penso anzi ne sono certo, che saranno momenti fecondi perché fatti di una preghiera fiduciosa e perseverante, momenti in cui metteremo in evidenza tutta la nostra fragilità e povertà, momenti in cui saremo spogliati di tutto, della nostra mondanità, dell’inutile, del superfluo e dell’egoismo. Ma saranno anche momenti speciali, perché da questo incontro andremo via rivestiti del Cristo, traboccanti del Suo amore e investiti dalla Sua luce.
Che bello fratelli carissimi, ora vivificati da questo contatto intimo con Lui, siamo stati anche noi nelle nostre diversità scelti a diventare Suoi apostoli, Suoi seguaci e Suoi imitatori. Discepoli che accettando il Suo invito, sono diventati pescatori di uomini.

Buona giornata nel Signore!

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!