vangelo del giorno “ESALTAZIONE DELLA SANTA CROCE”

Scritto da davide moreno

14 Settembre 2020

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 3,13-17)
Bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo.

In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo:
«Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna.
Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna.
Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui».

Parola del Signore

Riflessione:

Miei cari fratelli e sorelle, penso che la “Croce” a qualcuno spaventi in modo terrificante. Sapete per quale ragione? Perché gli è di ostacolo, non trova in essa vittoria. Noi invece che siamo alla scuola di Cristo, la “esaltiamo” perché sappiamo bene che è segno d’amore; di un amore che ci parla del nostro Signore, di un amore donato per la nostra salvezza, ma specialmente di un amore che ha reso la “Croce” sorgente di vita nuova. Vedete, noi la glorifichiamo non per il dolore che porta in essa, anche se quella assurda e disumana sofferenza dovrebbe molte volte farci riflettere su quanto noi siamo veramente disposti ad imitare fino in fondo Cristo Gesù. Perché vedete è solo passando attraverso la “Croce” che possiamo liberarci di tutte le zavorre che ci appesantiscono ed è solo attraverso la Croce che possiamo morire di quello che ci è d’inciampo e risorgere nella gioia di una vita nuova. Fratelli carissimi, vi confesso che al solo pensiero tremo. È proprio vero, la “Croce” fa paura! Il principale motivo è che sembri ci spogli di tutto, ma credo che non sia cosi. Credo che ci arricchisca di Dio, ci doni appunto una nuova vita, una vita generata dallo Spirito, una vita in cui la “Croce” rappresenti per noi l’unica fonte di Salvezza.
Allora carissimi, d’ora innanzi da nuove creature, il Segno della “Croce” assumerà per noi un aspetto rilevante, profondo e consapevole, perché quel Segno che faremo prima della preghiera, quel Segno che ci introdurrà nel raccoglimento, quel Segno che ci aprirà al dialogo con Dio, quel Segno che proclamerà la nostra appartenenza a Cristo, è quel Segno di “Croce” che ci illuminerà e aprirà il nostro cuore facendoci incontrare il Cristo Risorto nel nostro quotidiano.

Buona giornata nel Signore!

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!