VANGELO DEL GIORNO “Mercoledì della XXII settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)”

Scritto da davide moreno

2 Settembre 2020

+ Dal Vangelo secondo Luca (Lc 4,38-44)
È necessario che io annunci la buona notizia del regno di Dio anche alle altre città; per questo sono stato mandato.

In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagòga, entrò nella casa di Simone. La suocera di Simone era in preda a una grande febbre e lo pregarono per lei. Si chinò su di lei, comandò alla febbre e la febbre la lasciò. E subito si alzò in piedi e li serviva.
Al calar del sole, tutti quelli che avevano infermi affetti da varie malattie li condussero a lui. Ed egli, imponendo su ciascuno le mani, li guariva. Da molti uscivano anche demòni, gridando: «Tu sei il Figlio di Dio!». Ma egli li minacciava e non li lasciava parlare, perché sapevano che era lui il Cristo.
Sul far del giorno uscì e si recò in un luogo deserto. Ma le folle lo cercavano, lo raggiunsero e tentarono di trattenerlo perché non se ne andasse via. Egli però disse loro: «È necessario che io annunci la buona notizia del regno di Dio anche alle altre città; per questo sono stato mandato».
E andava predicando nelle sinagòghe della Giudea.

Parola del Signore

Riflessione:

Miei cari fratelli e sorelle, penso che già riconoscersi di essere malati sia un passo importantissimo! E sapete perché?
Perché significa che ci siamo fermati a riflettere, che abbiamo trovato un po’ tempo nella nostra ormai vita frenetica e ci siamo finalmente distaccati anche se solo per un attimo dal mondo dell’apparente efficienza, dal mondo del tutto e subito!
Che bello fratelli carissimi, significa che il Signore ci ha guariti!
Vedete, incontrare Gesù significa essere sanati nel profondo e questo inevitabilmente cambia in modo netto le nostre prospettive di vita. Questo è un incontro che fa suscitare in noi l’esigenza di trovare tempo da dedicare all’ascolto della Sua Parola, tempo di momenti di silenzio interiore, tempo di momenti di preghiera, tempo che rigenera il nostro vivere e ci regala la gioia per servire i nostri fratelli che sono ancora ammalati del mondo, che non conoscono ancora la salvezza, non conoscono ancora il Signore e hanno oramai perso la speranza.
Quindi carissimi, stamani non perdiamo altro tempo, annunciamo la buona notizia, che Gesù è la presenza misericordiosa di un Padre che si china sulle piaghe dei Suoi figli perduti, un Padre che li va a cercare per scovare in loro il male ovunque si nasconda, un Padre che dona vita, gioia e speranza a tutti coloro che lo hanno riconosciuto come il Salvatore.

Buona giornata nel Signore!

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!