Vangelo del giorno “Venerdì della V settimana di Pasqua”

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 15,12-17)
Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 
«Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.
Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi. 
Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri».

Parola del Signore

Riflessione

Miei cari fratelli e sorelle, la pericope si ripete e il motivo è che il Signore non ci comanda nulla d’impossibile. Ciò malgrado dobbiamo riconoscere inevitabilmente la nostra debolezza e la nostra imperfezione.
Abbiamo la consapevolezza che non riusciremo mai ad amare i nostri fratelli come Lui li ama, se non è Lui ad amarli in noi. Fratelli carissimi, questo è vivere da veri discepoli e portare frutti di testimonianza.
Ricordiamoci sempre che la qualità e la norma dell’amore al fratello è una sola: l’amore che Gesù ha per noi.
Lui ha offerto la propria vita a noi, perché ci ama e desidera da noi una sola cosa, la fedeltà allo stesso comandamento secondo il Suo stile. Vedete, penso che dare la vita, significhi spendere la propria esistenza a favore degli altri fratelli, affinché siano più felici. Questo ci porta necessariamente ogni mattina a interrogarci su come possiamo non essere di peso a chi vive con noi e attorno a noi. Questo significa accettare i loro silenzi e i loro musi, accettare il limite del loro carattere e non meravigliarsi delle loro contraddizioni e dei loro peccati. Ma soprattutto significa, accettare il nostro prossimo per quello che egli è, e non per quello che noi volessimo che fosse.
Miei cari fratelli, oggi usciamo con animo per strada e costruiamo rapporti di fraternità, perché è solo con la pratica di questo comandamento che possiamo rendere nuovo questo mondo. Sia allora oggi e sempre, il nostro atteggiamento fraterno a evidenziare il nostro contributo e la nostra fede.

Buona giornata nel Signore!

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!