Vangelo del giorno “Lunedì della III settimana di Pasqua”

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 6,22-29)
Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna.

Il giorno dopo, la folla, rimasta dall’altra parte del mare, vide che c’era soltanto una barca e che Gesù non era salito con i suoi discepoli sulla barca, ma i suoi discepoli erano partiti da soli. Altre barche erano giunte da Tiberìade, vicino al luogo dove avevano mangiato il pane, dopo che il Signore aveva reso grazie.
Quando dunque la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafàrnao alla ricerca di Gesù. Lo trovarono di là dal mare e gli dissero: «Rabbì, quando sei venuto qua?».
Gesù rispose loro: «In verità, in verità io vi dico: voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell’uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo».
Gli dissero allora: «Che cosa dobbiamo compiere per fare le opere di Dio?». Gesù rispose loro: «Questa è l’opera di Dio: che crediate in colui che egli ha mandato».

Parola del Signore

Riflessione:

Miei cari fratelli e sorelle, quali sono le nostre vere intenzioni che ci spingono a cercare Gesù?
Vedete, oggi siamo messi a nudo dalla Sua parola. La nostra è proprio una vera cecità spirituale. Abbiamo una mentalità fin troppo materiale. Infatti cerchiamo sempre più vantaggi materiali e passeggeri che occasioni di risposta e di amore. Oggi però Gesù ci spiega la diversità tra il pane materiale e corruttibile e il pane che rimane per la vita eterna e ci invita quindi a superare l’angusto orizzonte in cui viviamo e a passare a quello luminoso della fede e dello spirito a cui solo la Sua persona può introdurci.
Fratelli carissimi, Egli possiede il sigillo di Dio che è lo spirito e l’operosità divina dell’amore. Quindi sta a noi se lasciarci coinvolgere da Dio e aderire con fede alla persona di Gesù.
Però sia ben chiaro, sarà proprio grazie a questa nostra apertura alla fede che ci verrà offerto un pane inesauribile e l’opportunità di credere all’opera di Dio in Gesù Cristo nostro Salvatore.

Buona giornata nel Signore!

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!