Vangelo del giorno “Sabato fra l’Ottava di Pasqua”

+ Dal Vangelo secondo Marco (Mc 16,9-15)
Andate in tutto il mondo e proclamate il vangelo.

Risorto al mattino, il primo giorno dopo il sabato, Gesù apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva scacciato sette demòni. Questa andò ad annunciarlo a quanti erano stati con lui ed erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo e che era stato visto da lei, non credettero.
Dopo questo, apparve sotto altro aspetto a due di loro, mentre erano in cammino verso la campagna. Anch’essi ritornarono ad annunciarlo agli altri; ma non credettero neppure a loro.
Alla fine apparve anche agli Undici, mentre erano a tavola, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risorto. E disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura».

Parola del Signore

Riflessione:

Miei cari fratelli e sorelle, è meglio obbedire a Dio che agli uomini. Questo è un criterio che va sempre ricordato specialmente quando subiamo o assistiamo alle prepotenze nel nostro quotidiano. Oggi più che mai essere prepotenti è diventato il modus operandi di questo mondo, è la realtà in cui viviamo. Quindi per noi diventa necessario prestare molta attenzione, il rischio di soccombere alla mentalità di questa società, di essere vittime delle tante seduzioni e delle tante sirene di cui ne sentiamo il fascino è elevato. Per questo fratelli carissimi, non possiamo tacere dell’esperienza di salvezza di cui siamo testimoni, dell’esperienza di coloro che sono amati e accompagnati nella vita, dall’amore di Dio. Ma ancor più, non possiamo vivere come se questo amore non esistesse e non operasse nella nostra storia quotidiana. Accettiamo dunque stamani l’invito del Signore e con il nostro agire quotidiano proviamo a dare una testimonianza aperta e coraggiosa, una testimonianza che non sia imposizione di nulla e a nessuno, ma che nemmeno diventi bersaglio di prepotenze per indurci a nascondere quanto di più caro, di più dolce, di più importante muove la vita di noi che crediamo. Miei cari, chiediamo grazia al Signore, affinché la Sua Parola scenda nel profondo della nostra mente e nell’abisso del nostro cuore, cosicché abitati dal Suo amore, potremo dimostrare al mondo che la pensiamo come Lui e a Lui obbediamo. E mai ci accada per incoscienza o timore, per moda o per debolezza, di obbedire più agli uomini, che a Lui.

Buona giornata nel Signore!

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!