Vangelo del giorno “Mercoledì della Settimana Santa”

+ Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 26,14-25)
Il Figlio dell’uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai a quell’uomo dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito!

 In quel tempo, uno dei Dodici, chiamato Giuda Iscariòta, andò dai capi dei sacerdoti e disse: «Quanto volete darmi perché io ve lo consegni?». E quelli gli fissarono trenta monete d’argento. Da quel silenzio momento cercava l’occasione propizia per consegnare Gesù.
Il primo giorno degli Ázzimi, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Dove vuoi che prepariamo per te, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Ed egli rispose: «Andate in città da un tale e ditegli: “Il Maestro dice: Il mio tempo è vicino; farò la Pasqua da te con i miei discepoli”». I discepoli fecero come aveva loro ordinato Gesù, e prepararono la Pasqua.
Venuta la sera, si mise a tavola con i Dodici. Mentre mangiavano, disse: «In verità io vi dico: uno di voi mi tradirà». Ed essi, profondamente rattristati, cominciarono ciascuno a domandargli: «Sono forse io, Signore?». Ed egli rispose: «Colui che ha messo con me la mano nel piatto, è quello che mi tradirà. Il Figlio dell’uomo se ne va, come sta scritto di lui; ma guai a quell’uomo dal quale il Figlio dell’uomo viene tradito! Meglio per quell’uomo se non fosse mai nato!». Giuda, il traditore, disse: «Rabbì, sono forse io?». Gli rispose: «Tu l’hai detto».

Parola del Signore

Riflessione:

Miei cari fratelli e sorelle, anche oggi Giuda è il protagonista! La sua presenza, il nemico fra gli amici, colui che colpisce nell’istante e nel luogo in cui è soprattutto necessaria la fiducia e lo fa proprio nel momento in cui nessuno può più difendersi. Quello è il suo momento, quello è il tempo del tradimento. Fratelli carissimi, stamani Gesù ci insegna che non c’è altro modo per vincere il traditore se non quello di consegnarsi nelle sue mani e rimettere nelle mani di Dio la propria causa.
Proviamo a pensare a quanti disaccordi, quante offese e quante prepotenze nascono nella nostra vita a causa del sospetto a causa del dubbio che ci tormenta che proprio la persona che ci è vicina possa tradirci. Miei cari, quello che stamani rimbalza nella mia mente è che per sedere intorno alla mensa di Gesù occorre fidarsi l’uno dell’altro e va fatto pur sapendo che può costare un caro prezzo.

Buona giornata nel Signore!

Coraggio fratelli e sorelle, #andratuttobene !

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!