Vangelo del giorno “Venerdì della III settimana di Quaresima”

+ Dal Vangelo secondo Marco (Mc 12,28-34)
Il Signore nostro Dio è l’unico Signore: lo amerai.

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». 
Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi». 
Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocàusti e i sacrifici». 
Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

Parola del Signore

Riflessione:

Miei cari fratelli e sorelle, il tempo che stiamo vivendo è di grande opportunità, è il tempo per poter fare un vero discernimento e riscoprire che l’amore quello vero non è un contratto a termine, ossia il tempo necessario per appagare il proprio egoismo e quando il desiderio, la passione è svanita, si cambia, si ricomincia nuovamente con lo stesso modus operandi.
Fratelli carissimi, Gesù stamani ci comanda di amare senza paura e con tutto il cuore, ma per esserne veramente capaci, dobbiamo lasciarci raggiungere dal Suo di amore, magari iniziando con un ascolto autentico e obbediente della Sua Parola. Penso che questo sia il fondamento dell’amore, l’antidoto grazie al quale siamo liberati dalle nostre egoistiche convinzioni, presunzioni e false ideologie.
Miei cari, così facendo, diverremo testimoni e guide di un amore vero e la nostra risposta per questo immenso dono ricevuto dal Signore, sarà il desiderio di andare incontro a tutti coloro che Gesù metterà sul nostro cammino, affinché la loro gioia diventi la nostra e il nostro egoismo e la nostra indifferenza non abbiano l’ultima parola, ma l’amore che è presente e vive in noi diventi manifestazione viva della presenza di Dio, nel nostro vivere quotidiano.

Coraggio fratelli e sorelle, #andratuttobene !

Buona giornata nel Signore!

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!