Vangelo del giorno “Lunedì della III settimana di Quaresima”

+ Dal Vangelo secondo Luca (Lc 4,24-30)
Gesù come Elìa ed Elisèo è mandato non per i soli Giudei.

In quel tempo, Gesù [cominciò a dire nella sinagoga a Nàzaret:] «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. Anzi, in verità io vi dico: c’erano molte vedove in Israele al tempo di Elìa, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elìa, se non a una vedova a Sarèpta di Sidóne. C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Elisèo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro».
All’udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino.

 

Parola del Signore

 

Riflessione:

 

Miei cari fratelli e sorelle, stamani leggendo il brano del Vangelo penso all’obbedienza. A volte presenta situazioni veramente esigenti, ad esempio il momento che stiamo vivendo. Tuttavia credo che soltanto dopo aver detto un si totale e dal profondo del cuore alla volontà di Dio, che tali situazioni di sofferenza e di angoscia perdono il potere dominante che hanno su di noi. In questo modo – aderendo alla volontà di Dio – saremo capaci di accogliere il messaggio di salvezza contenuto nel Vangelo e la nostra durezza non avrà la meglio chiudendo le porte del cuore, anzi ci darà la consapevolezza che la Parola del Signore non ha corsie preferenziali e può raggiungerci in ogni momento e in qualsiasi luogo.
Quindi fratelli carissimi, teniamo gli occhi aperti per stupirci ed il cuore pronto per accogliere, perché dovunque, attraverso chiunque e con qualsiasi mezzo di comunicazione – specialmente oggi che siamo nel deserto – il Signore può parlarci e non possiamo perdere questa opportunità di conversione.

Stamani chiediamo al Dio Padre il dono di un cuore semplice, capace di contemplare e meravigliarsi davanti alla grandezza del Suo amore nascosto negli umili segni del pane e del vino – che tanto ci manca- della luce e dell’acqua e nella voce e nel volto di ogni fratello. Ma in special modo chiediamo il miracolo di una fede senza riserve che accetti soprattutto nell’ora del dubbio, dell’impotenza e del peccato, di affidarci totalmente a Lui e al Suo amore.

Coraggio fratelli e sorelle, #andratuttobene !

 

Buona giornata nel Signore!

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!