“Sabato della V settimana del Tempo Ordinario (Anno pari)”

Scritto da davide moreno

15 Febbraio 2020

VANGELO

Mc 8,1-10
Mangiarono a sazietà.

                                  Dal Vangelo secondo Marco


In quei giorni, poiché vi era di nuovo molta folla e non avevano da mangiare, Gesù chiamò a sé i discepoli e disse loro: «Sento compassione per la folla; ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Se li rimando digiuni alle loro case, verranno meno lungo il cammino; e alcuni di loro sono venuti da lontano». 
Gli risposero i suoi discepoli: «Come riuscire a sfamarli di pane qui, in un deserto?». Domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette». 
Ordinò alla folla di sedersi per terra. Prese i sette pani, rese grazie, li spezzò e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero; ed essi li distribuirono alla folla. Avevano anche pochi pesciolini; recitò la benedizione su di essi e fece distribuire anche quelli. 
Mangiarono a sazietà e portarono via i pezzi avanzati: sette sporte. Erano circa quattromila. E li congedò. 
Poi salì sulla barca con i suoi discepoli e subito andò dalle parti di Dalmanutà.


Parola del Signore

RIFLESSIONE

Miei cari fratelli e sorelle, in questo mondo in cui c’è tanto rumore ed effimeri presagi, diventiamo sempre più spesso vittime del nostro stesso delirio di onnipotenza. A volte ci dimentichiamo dell’essenziale e per questo ci sentiamo smarriti e delusi. Vedete vi sembrerà strano, ma è proprio in questa logica che inizia la meravigliosa storia con Colui che ci ama a prescindere, con Colui che ci cura e ci nutre con l’unica medicina e l’unico pane che abbiamo veramente bisogno: la Sua Parola, il Suo amore e il Suo perdono. Si fratelli carissimi, questa è l’infinita compassione che Gesù a per noi, Lui sa bene dove risiede il nostro dolore e quale è la vera fame che attanaglia il nostro cuore. Diventa quindi per Lui necessario dover compiere il miracolo, quel segno che rivela sé stesso, infatti è Lui il pane della vita e di Lui dobbiamo nutrirci. Sfamarci a più non posso, di quella Eucarestia e di quella Parola che sono sacramenti del Suo amore divino che donano pienezza e salvezza. Carissimi non vi è altra spiegazione, è solo grazie al Suo amore generoso, senza ricatto e gratuito che scopriamo la Sua vera identità che si fa spazio in noi e ci sprona a condividere ciò che abbiamo, fosse anche solo un sorriso che regala gioia ma soprattutto speranza. Quindi coraggio, senza timore, stamani non badiamo al risparmio, doniamo sorrisi ed abbracci, regaliamo speranza a tutti, specialmente a coloro che apparentemente credono di essere felici per il loro potere di possedere le cose.

Buona giornata nel Signore!

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!