“Feria propria dell’8 Gennaio”

Dal Vangelo secondo Marco (Mc 6,34–44)

In quel tempo, sceso dalla barca, Gesù vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose. 
Essendosi ormai fatto tardi, gli si avvicinarono i suoi discepoli dicendo: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congedali, in modo che, andando per le campagne e i villaggi dei dintorni, possano comprarsi da mangiare». Ma egli rispose loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Gli dissero: «Dobbiamo andare a comprare duecento denari di pane e dare loro da mangiare?». Ma egli disse loro: «Quanti pani avete? Andate a vedere». Si informarono e dissero: «Cinque, e due pesci». 
E ordinò loro di farli sedere tutti, a gruppi, sull’erba verde. E sedettero, a gruppi di cento e di cinquanta. Prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero a loro; e divise i due pesci fra tutti. 
Tutti mangiarono a sazietà, e dei pezzi di pane portarono via dodici ceste piene e quanto restava dei pesci. Quelli che avevano mangiato i pani erano cinquemila uomini.

Riflessione:

Miei cari fratelli e sorelle, in questo mondo di tanto rumore e di effimeri presagi, diventiamo sempre più spesso vittime del nostro stesso delirio di onnipotenza: ci siamo dimenticati dell’essenziale! Siamo smarriti e delusi, pecore che hanno rifiutato la guida del buon Pastore. Ciò nonostante Gesù ha compassione di noi, sa bene dove risiede il nostro dolore, qual è la vera fame che attanaglia il nostro cuore e per questo diventa per Lui necessario dover compiere il miracolo, quel segno che rivela sé stesso, infatti è Lui il pane della vita e di Lui dobbiamo nutrirci. Sfamarci a più non posso, di quella Eucarestia e di quella Parola che sono sacramenti del Suo amore divino e che donano pienezza e salvezza. Vedete carissimi, è solo grazie al Suo amore generoso, senza ricatto e gratuito che scopriamo la Sua vera identità, presenza che si fa spazio in noi e ci sprona a condividere ciò che abbiamo, fosse anche solo un sorriso che regala gioia ma soprattutto speranza.

Buona giornata nel Signore!

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!