“XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO C)”

Scritto da davide moreno

17 Novembre 2019

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 21,5-19)

In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.
Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere.
Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto.
Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita».

Riflessione:

Miei cari fratelli e sorelle, quanto è attuale questa pagina del Vangelo…! A noi è mai capitato di essere ammaliati e rapiti nel “guardare” le “belle pietre”? le “pietre” dell’esteriorità? Vedete, dobbiamo prestare molta attenzione, il rischio è quello di finire per costruire la nostra vita e le nostre scelte, su ciò che perisce, su ciò che è superfluo, sulle cose e sulle persone prive di solide basi, quelle che al primo colpo di vento, crollano. Carissimi sia allora il nostro, un atteggiamento cristiano che non subisce influenze “visionare, catastrofiche e tremendamente dannose”, ma un agire operoso e fecondo nella fede, capace di trasformarci in “pietre vive”, le uniche che sanno edificare e curare la propria vita interiore, fondandola sul Cristo Risorto, così da poterla mostrare e far “guardare” a coloro che ci circondano, suscitando in loro un interesse di conversione, quelli di poter ri-costruire una nuova vita, basata sull’amore che “verrà”, ma anche sull’amore che già vive ed edifica in noi. 

Buona domenica nel Signore! 

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!