“Martedì della XIX settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)”

+ Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 18,1-5.10.12-14) 

In quel momento i discepoli si avvicinarono a Gesù dicendo: «Chi dunque è più grande nel regno dei cieli?». Allora chiamò a sé un bambino, lo pose in mezzo a loro e disse: «In verità io vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli. Perciò chiunque si farà piccolo come questo bambino, costui è il più grande nel regno dei cieli. E chi accoglierà un solo bambino come questo nel mio nome, accoglie me. Guardate di non disprezzare uno solo di questi piccoli, perché io vi dico che i loro angeli nei cieli vedono sempre la faccia del Padre mio che è nei cieli. Che cosa vi pare? Se un uomo ha cento pecore e una di loro si smarrisce, non lascerà le novantanove sui monti e andrà a cercare quella che si è smarrita? In verità io vi dico: se riesce a trovarla, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite. Così è volontà del Padre vostro che è nei cieli, che neanche uno di questi piccoli si perda».

Riflessione:

Miei cari fratelli, ancora con queste manie di grandezza, ancora con il voler prevalere su gli altri per acquisire il titolo del più grande. Gesù è chiaro, se usiamo questa logica e questa prospettiva nella vita, non abbiamo capito nulla, non riusciremo a salvarci. Per questo ci invita a farci piccoli come bambini, a ragionare con il cuore di un bambino, ad essere fragili come un bambino, ad essere ingenui come un bambino, e come lui, stupirci, affidarci, attendere e credere. Fratelli carissimi, noi abbiamo la certezza di essere preziosi agli occhi di Dio e la consapevolezza di essere amati come quella pecora distratta dalle tentazioni della vita che si perde, ma che non viene abbandonata e quando ritrovata, riconosce nell’abbraccio del Pastore che è Dio, che la stringe è la porta in spalla. Fratelli, apprendiamo allora dai bambini a fidarci di Gesù, Lui ci ama profondamente e non smetterà mai di cercarci. Per questo oggi non giochiamo a nascondino, lasciamoci trovare, lasciamoci raggiungere ed abitare dal Suo amore, impareremo a crescere non più verso l’alto, ma verso il basso, dove vivono gli ultimi, i poveri, i piccoli: i “Grandi del Regno”! 

Buona giornata nel Signore!

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!