“GIOVEDI SANTO IN CENA DOMINI”

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 13,1-15)

Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine. 
Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugamano di cui si era cinto. 
Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?». Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo». Gli disse Pietro: «Tu non mi laverai i piedi in eterno!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me». Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!». Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti». Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete puri».
Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Capite quello che ho fatto per voi? Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi». 

Riflessione:

Miei cari fratelli, quanto deve aver atteso quell’ora Gesù! Quell’ora per cui è venuto, quell’ora di donarsi ai discepoli e all’umanità intera. Quello che Gesù fece in quel giorno, in quell’ora, è quanto oggi ancora, qui presente, compie per noi. Noi fratelli, dobbiamo perciò sentirci veramente in quell’unica ora in cui Gesù consegnò sé stesso per tutti, quale dono e testimonianza dell’amore del Padre. Carissimi, impariamo da Lui a dire sempre grazie, a celebrare l’Eucarestia nella vita, entrando nella dinamica dell’amore, che offre e sacrifica se stesso per far vivere l’altro. Oggi il Signore Gesù ci fa comprendere cosa significhi servirci a vicenda con umiltà, quella carità che non è un vago sentimento, non è un’esperienza da cui possiamo aspettarci gratificazioni, ma è la volontà di sacrificare se stessi con Cristo per gli altri e senza calcoli. In questo modo mostreremo che l’amore, la carità cristiana, non è solo una parola che rischia di venire troppo facilmente adoperata, ma qualcosa che spinge all’azione e al servizio, specialmente di quanti sono nella povertà e di quanti sono nel bisogno.

Buon Triduo Pasquale!

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!