Dal Vangelo secondo Luca (Lc 5,1-11)

In quel tempo, mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennèsaret, vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca.
Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare. 
Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore». Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini». 
E, tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono.

Riflessione:

Miei cari fratelli, cogliamo anche noi la stessa intensità e credibilità di quella Parola che è stata in grado di smuovere folle di persone e farle accalcare per ascoltarla! Oggi quella Parola appartiene a noi, ci è affidata e siamo chiamati ad annunciarla. Non occorre necessariamente una qualifica per farlo oppure una preparazione professionale ad esclusiva di pochi eletti, ma è indispensabile l’adesione come ha fatto il grande e rude Pietro, che ha affidato la sua barca (la sua vita) e si è fidato della Parola di Gesù, traendo così benefici inaspettati ed improbabili. Quindi cari fratelli, curiamola bene questa Parola, leggiamola, meditiamola e viviamola, affinché illumini ogni nostra azione e sia di esempio e guida a chi ci è accanto. Troppe volte pensiamo di aver fatto tutto il possibile, di essere oramai stanchi e di gettare la spugna, torniamo a casa con l’amaro della delusione, la nostra è stata una lunga notte (giornata) infruttuosa, siamo rassegnati, ma ecco che la Sua voce ci raggiunge e ci indica cosa fare. Noi dobbiamo solo fidarci, prendere il largo(camminare nel quotidiano) e sulla Sua Parola i nostri sforzi verranno resi fecondi, perché saremo diventati anche noi, pescatori di uomini! 

Buona domenica nel Signore!

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!