“Feria propria del 18 Dicembre”

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 1,18-24)

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello SpiritoSanto. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiameraiGesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: 
«Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: 
a lui sarà dato il nome di Emmanuele», 
che significa «Dio con noi».
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

Riflessione:

Miei cari fratelli, un’altra pagina del Vangelo che viene a scrivere la nostra storia e prepara la nostra attesa. Che meravigliosa consapevolezza, il sapere che se veramente lo desideriamo, possiamo essere tutti “uomini giusti” come il caro Giuseppe. Un uomo semplice e di profonda fede, che pur non comprendendo fin in fondo il disegno di Dio, non l’ostacola, si fida di Lui e ne diventa collaboratore obbediente, docile e fiducioso del suo progetto. Disegno cheGiuseppe porta a compimento, obbedendo alla volontà di Dio; prendere con séMaria e riconoscerne il Figlio Gesù, il Dio fatto uomo, l’Emmanuele, il Dio con noi, grazie il quale ha compimento nella storia umana il grande progetto di amore e di salvezza. Ora eccoci arrivati al dunque: vogliamo essere uomini giusti anche noi? Iniziamo allora con l’essere gli uomini della Parola, grazie la quale riusciamo a leggere gli avvenimenti ed i segni della nostra vita nel quotidiano e comprenderne il significato. Teniamo ben presente che il Cristo si rivelerà solo a coloro che hanno un cuore povero, solo a coloro che l’Emmanuele lo sappiano custodire nel proprio cuore, lo stesso cuore di Giuseppe, e solo a coloro che saranno disponibili a servirlo ed a riconoscerlo in ogni fratello ultimo. Ecco fratelli, la nostra attesa cosa ci rivelerà! ma attenzione; solo chi saprà ascoltare, saprà anche obbedire.

Buona giornata nel Signore!

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!