Dal Vangelo secondo Luca (Lc 21,20-28)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. Allora coloro che si trovano nella Giudea fuggano verso i monti, coloro che sono dentro la città se ne allontanino, e quelli che stanno in campagna non tornino in città; quelli infatti saranno giorni di vendetta, affinché tutto ciò che è stato scritto si compia. In quei giorni guai alle donne che sono incinte e a quelle che allattano, perché vi sarà grande calamità nel paese e ira contro questo popolo. Cadranno a fil di spada e saranno condotti prigionieri in tutte le nazioni; Gerusalemme sarà calpestata dai pagani finché i tempi dei pagani non siano compiuti.
Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina».


Riflessione:

Miei cari fratelli, non lasciamoci soffocare dalle cattive notizie, non scoraggiamoci; certo oggi basta leggere un quotidiano o guardare un telegiornale per comprendere subito che si tratta di un bollettino di guerra è un susseguirsi di notizie tristi, che evidenziano il disagio e l’insofferenza e aggiungerei anche la banalità che il mondo accetta di vivere oggi. È noi?  Quale è la nostra reazione al cospetto di questi eventi, di questi “segni” di stile apocalittico? Fuggiamo dalla realtà, aspettando che gli eventi facciano il loro corso, oppure “alziamo lo sguardo” e accogliamo quel messaggio di speranza che ci consente di andare oltre la logica del terrore visibile? Noi cercatori di Dio andiamo avanti e lo facciamo dando un’altra chiave di interpretazione a questi “segni”, una spiegazione che da luogo ad una nuova straordinaria e meravigliosa vita, vissuta nella certezza di credere che non stiamo sprofondando nel nulla, ma tra le braccia di Dio!

Buona giornata nel Signore!

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This