“Santa Cecilia”

+ Dal Vangelo secondo Luca (Lc 19,41-44)

In quel tempo, Gesù, quando fu vicino a Gerusalemme, alla vista della città pianse su di essa dicendo:
«Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi.
Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata».


 

Riflessione:

Miei cari fratelli, noi abbiamo compreso chi porta la “pace”? quella vera? Penso di si, tuttavia è bene ricordarlo: è Dio che visitando il nostro cuore porta “pace” e giustizia, è Dio che facendosi presente nel fratello bisognoso, chiede a noi di essere ascoltato, di essere riconosciuto, di essere accolto. Quindi cari fratelli, la nostra superficialità, porta dispiacere a Gesù e deve ricordarci, che quelle “lacrime” d’amore, quelle “lacrime” versate per la durezza del nostro cuore, sono “lacrime” di salvezza. Una salvezza donata a noi, attraverso l’ultima cosa che gli è rimasta da fare, un gesto che non potrà lasciarci indifferenti, un atto d’amore immenso che avrà compimento solo attraverso la croce. Fratelli, vigili e pronti a “riconoscerlo”, affinché la Sua “pace”, abiti i nostri cuori e trasformi la nostra vita in ancore di salvezza. Buona giornata nel Signore.

 

 

Potrebbe piacerti anche…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla mailing list per ricevere la riflessione quotidiana sul Vangelo del giorno di davide moreno.

Consenso trattamento dati

Ti sei iscritto con successo!

Shares
Share This

Condividi

Condividi questo post con i tuoi amici!